Annientare i combattenti

Pubblicato il

Giacca blu, uomo di potere noi non smetteremo di denunciare i tuoi abusi, le tue violenze contro i tuoi 20 combattenti, contro i tuoi 20 #carabinieri.

Giacca blu noi non avremo paura di denunciare i tuoi crimini contro di noi, contro le nostre 20 famiglie, contro la nostra storia. 

Lo faremo insieme  ai tuoi carabinieri, ai tuoi comandanti di stazione, umiliati come noi,  perchè è evidente il tuo abuso, il tuo mobbing, il tuo servilismo verso i poteri forti, verso le lobby che manipolano le banche e affamano il popolo. 

 

Calpestate ultimo, calpestate crimor,  perchè avete paura, perchè siete complici di un sistema basato sulla propaganda , con cui cercate  di nascondere  le vostre inefficienze, le vostre incapacità. Ma il popolo osserva e  giudica. I carabinieri osservano e giudicano, e capiscono bene la differenza tra la propaganda, le cerimonie  e la lotta. 

3 pensieri su “Annientare i combattenti

  1. Questi prepotenti insopportabili magari pretendono anche l’applauso per le loro azioni scellerate. Negli anni ho imparato grazie al lavoro e al periodo della mia vita legato all’ambiente della politica che più occupano posti di potere e più diventano arroganti. Questi “signori” in giacca e cravatta dall’alto delle loro cariche hanno annientato chi aveva ideali e una coscienza molto più nobile della loro. Non facciamoci intimidire, teniamo alta la nostra bandiera, noi ci siamo e ci saremo sempre, al vostro fianco e a testa alta, lo dobbiamo a noi stessi e alle future generazioni. È una questione di dignità, di consapevolezza, di rispetto per il paese che amiamo e per i nostri fratelli combattenti che ogni giorno lottano in nome della Giustizia, quella vera.
    Grazie di ❤️ CRIMOR, sempre dalla vostra parte.

  2. Uguale a quello che è successo ai nativi americani, con i debiti distinguo certo ma le lobby e il servilismo al potere è uguale. Purtroppo l’onore il coraggio e il rispetto è per pochi. ONORE A VOI COMANDANTE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *